意大利

意大利太阳能数据由当地太阳能安装专家提供。对您认为最好的答案,请点“赞” - 得票最高的答案将在最上方显示!若您对在意大利安装太阳能系统有任何进一步的问题,您可以在下面提问,问题将会被发送给我们的太阳能专家。

您可以放大地图或输入地址来搜素附近所有的光伏公司。

Financial Incentives
- Feed-in tariffs and other government financial incentives

+6

Nov 9th 2013Il  Governo con il decreto legge 4 giugno 2013 ha emanato alcuni provvedimenti riguardanti lo sgravio fiscale del 65% destinato al miglioramento dell’efficienza energetica e il 50% per la ristrutturazione degli edifici ,  per  concludere con il Conto Energia. Edifici a risparmio energetico, impianto fotovoltaico
Ristrutturazione edifici, efficienza energetica, detrazione fiscale 50%, fotovoltaico

Il decreto legge 4 giugno 2013 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 6 giugno 2013 contiene le disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010, sulle prestazioni energetiche nell'edilizia e per la definizione delle procedure d'infrazione avviate dalla CoImpianti solari termicimmissione europea, oltre le disposizioni inerenti la materia di coesione sociale. 
Ristrutturazione edifici, efficienza energetica, detrazione fiscale 50%,impianto fotovoltaico, risparmio

Il decreto ha confermato le detrazioni fiscali per impianti fotovoltaici che non accedono alle tariffe incentivanti del Conto Energia e che quindi  rientrano nella categoria di «opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici». Il decreto ha esteso le detrazioni fiscali del 50 per cento, che precedentemente erano previste solo per gli impianti installati dal 26 giugno 2012 al 30 Giugno 2013, prorogate fino alla fine dell’anno in corso. Tali detrazioni saranno accessibili con un limite massimo di spesa pari a 96mila euro. (Con il decreto di Stabilità le detrazioni vengono prorogate per il tutto 2014).
L’Agenzia delle Entrate ha specificato precedentemente che le detrazioni saranno garantite solo su l’installazioni fotovoltaiche rivolte «direttamente al servizio dell’abitazione del contribuente e utilizzate, quindi, per fini domestici come ad esempio quelli di illuminazione o alimentazione di apparecchi elettrici». 

Rist La ritenuta di acconto di delle imposte sul reddito dovute dai beneficiari, con l'obbligo di rivalsa, all'atto dell'accredito dei bonifici relativi al pagamento delle spese agevolabili con le detrazioni rimarrà al 4%.rutturazione edifici, efficienza energetica, detrazione fiscale 50%, impianto fotovoltaico, edifici ad risparmio energetico

Con il prosieguo relativo ai programmi di ristrutturazione basati su componenti avvenuti negli anni, l'efficienza energetica di un edificio esistente viene incentivata in modo economicamente accettabile ed energetcamente conveniente. Nel contempo, la vita utile dell'edificio viene incrementata secondo i criteri di sostenibilità. Ristrutturazione edifici, efficienza energetica, detrazione fiscale 50%, fotovoltaico

La detrazione fiscale del 50% viene applicata fino al 31 dicembre 2014.
  
Della detrazione fiscale del 50% possono usufruire i contribuenti soggetti all’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF). 
L’agevolazione spetta non solo ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese come: 
Ristrutturazione edifici, efficienza energetica, detrazione fiscale 50%, fotovoltaico 
· proprietari o nudi proprietari;
· titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
· locatari o comodatari; 
· soci di cooperative divise e indivise; 
· soci delle società semplici; 
· imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce.
 Ristrutturazione edifici, efficienza energetica, detrazione fiscale 50%, fotovoltaico
La detrazione fiscale del 50% va spalmata nel arco di 10 anni . 
Le procedure per la richiesta sono seguenti: 
1. Effettuare i pagamenti esclusivamente tramite bonifici bancari o postali utilizzando l'apposita modulistica cartacea disponibile presso gli istituti di credito o gli uffici postali.
2. Conservare la fattura delle spese sostenute e tutta la documentazione riportata a pagina 13, 14 E 15 della Guida dell'Agenzia delle Entrate: "Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali";
3. Indicare nella Dichiarazione dei redditi (MOD. 730 OPPURE UNICO PF) relativa all'anno nel quale viene sostenuta la spesa, i dati catastali identificati dell'immobile sul quale viene installato l'impianto oppure gli estremi di registrazione dell'atto se gli oneri sono sostenuti dal detentore dell'immobile e non dal proprietario.
4. Possedere i documenti richiesti dalla normativa come ad esempio: domanda di accatastamento (se l’immobile non è ancora censito), ricevute del pagamento ICI/IMU, delibera assemblea condominiale di approvazione dei lavori (per interventi su parti comuni di edifici residenziali), dichiarazione di consenso del possessore dell’immobile in caso id interventi effettuati dal detentore dell’immobile, etc.


Quanto è possibile detrarre

Per il periodo d’imposta 2012, la misura della detrazione è pari
· al 36% delle somme spese (bonifici effettuati) fino al 25 giugno 2012, per un ammontare
massimo di spesa di 48.000 euro per ciascuna unità immobiliare
· al 50% delle spese sostenute dal 26 giugno 2012 al termine del periodo d’imposta, con un limite
massimo di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare, tenendo conto delle spese effettuate
fino al 25 giugno 2012
Per il periodo d’imposta 2013, la detrazione è pari al 50% delle spese sostenute, con un limite
massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare e tenendo conto, in caso di mera
prosecuzione dei lavori, delle spese sostenute negli anni precedenti



Cosa fare per fruire della detrazione

- Comunicazione all’Azienda sanitaria locale
Deve essere inviata all’Azienda sanitaria locale competente per territorio una comunicazione (con
raccomandata A.R. o altre modalità stabilite dalla Regione) con le seguenti informazioni:
· generalità del committente dei lavori e ubicazione degli stessi
· natura dell’intervento da realizzare
· dati identificativi dell’impresa esecutrice dei lavori con esplicita assunzione di responsabilità, da
parte della medesima, in ordine al rispetto degli obblighi posti dalla vigente normativa in materia
di sicurezza sul lavoro e contribuzione
· data di inizio dell’intervento di recupero.

+3

Nov 9th 2013E' stato firmato il cosidetto Quinto Conto Energia, il decreto tanto atteso dello Sviluppo Economico.
Analizziamo gli aspetti più importanti e le novità del V Conto Energia:

Entrata in vigore dele nuove tariffe incentivanti per gli impianti fotovoltaici.
Il quinto Conto Energia entrerà in applicazione con le nuove tariffe dopo 45 giorni solari dalla pubblicazione del raggiungimento dei 6mld di Euro all'anno.
Verosimilmente quindi gli impianti che entrano in esercizio dopo metà settembre 2012 saranno nel V conto energia. 
In definitiva il quarto Conto Energia continua ad applicarsi: 
- agli impianti che entrano in esercizio prima dell’entrata in vigore del quinto Conto Energia; 
- ai grandi impianti iscritti in posizione utile nei registri e che producono la certificazione di fine lavori nei termini previsti; 
- agli impianti realizzati su edifici pubblici e su aree delle amministrazioni pubbliche che entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2012. 

Quanto durerà il V conto energia?
 il costo massimo fissato per quinto conto energia è pari a 700 ML€/anno. Si aspettano quindi inecntivi per 1-2 anni ancora dopo di che il fotovoltaico potra andrare avanti con le proprie forze senza bisogno di incentivi.

Chi può accedre agli incentivi per il fotovoltaico previsti dal quinto conto energia?
Accedono direttamente agli incentivi, senza obbligo di iscrizione al registro le seguenti tipologie di impianto fotovoltaico: 
a) impianti fotovoltaici di potenza fino a 50 kW realizzati su edifici con moduli installati in sostituzione di coperture su cui è operata la completa rimozione dell’eternit o dell’amianto; 
b) impianti fotovoltaici di potenza fino a 12 kW, inclusi gli impianti realizzati a seguito di rifacimento, nonché i potenziamenti che comportano un incremento della potenza dell'impianto non superiore a 12 kW; 
c) i potenziamenti che comportano un incremento della potenza dell'impianto non superiore a 12 kW; 
d) impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative fino al raggiungimento di un costo indicativo cumulato degli incentivi degli incentivi di 50 ML€; 
e) impianti fotovoltaici a concentrazione fino al raggiungimento di un costo indicativo cumulato degli incentivi di 50 ML€; 
f) impianti fotovoltaici realizzati da Amministrazioni pubbliche mediante con procedure di pubblica evidenza, fino al raggiungimento di un costo indicativo cumulato degli incentivi di 50 ML€; 
g) gli impianti fotovoltaici di potenza superiore a 12 kW e non superiore a 20 kW, inclusi gli impianti realizzati a seguito di rifacimento, nonché i potenziamenti che comportano un incremento della potenza dell'impianto non superiore a 20 kW, che richiedono una tariffa ridotta del 20% rispetto a quella spettante ai pari impianti iscritti al registro. 
In definitiva se ci si accontenta del 20% in meno sulla tariffa incentivante anche gli impianti di taglia compresa tra 12 e 20 kWp anno diretto accesso agli incentivi del fotovoltaico con il quinto conto energia.

Gli altri impianti fotovoltaici accedono alle tariffe incentivanti previa iscrizione in appositi registri, in posizione tale da rientrare nei seguenti limiti massimi di costo indicativo cumulato annuo degli incentivi: 
a) 1° registro: 140 milioni di euro; 
b) 2° registro: 120 milioni di euro; 
c) registri successivi: 80 milioni di euro a registro e comunque fino al raggiungimento del limite di 6,7 miliardi di euro l’anno. 

Il primo registro sarà aperto con un bando dal GSE entro 20 giorni dalla pubblicazione delle relative regole applicative e resterà aperto per 30 giorni. I registri successivi saranno aperti con cadenza semestrale e resteranno aperti per 60 giorni. 

Entro 20 giorni dalla chiusura del registro, il GSE formerà la graduatoria degli impianti iscritti al medesimo registro, applicando i seguenti criteri di priorità: 

a) impianti su edifici dal cui Attestato di Certificazione Energetica (ACE) risulti la miglior classe energetica, minimo D, con moduli installati in sostituzione di eternit o amianto; 
b) impianti su edifici dal cui ACE risulti la miglior classe energetica, minimo D; 
c) impianti su edifici con moduli installati in sostituzione di eternit o amianto; 
d) impianti con componenti principali realizzati unicamente in un Paese membro dell’UE/SEE; 
e) impianti ubicati, nell’ordine, su: siti contaminati; terreni del demanio militare; discariche esaurite; cave dismesse; miniere esaurite; 
f) impianti di potenza fino a 200 kW asserviti ad attività produttive; 
g) impianti realizzati, nell’ordine, su edifici, serre, pergole, tettoie, pensiline, barriere acustiche; 
h) altri impianti che rispettino i requisiti di cui all’articolo 7. 

Qualora l’ACE sia stato redatto sulla base di norme regionali, la classe energetica rilevante per la formazione della graduatoria è determinata secondo modalità che verranno definite dal GSE nelle regole applicative. 

Ulteriori criteri di priorità si applicheranno qualora le risorse disponibili non coprano integralmente tutti gli impianti incentivabili. Solo per il primo registro sarà data priorità agli impianti già in corso di realizzazione. Per accedere alle tariffe incentivanti, gli impianti devono entrare in esercizio entro un anno dalla data di pubblicazione della graduatoria. 

+2

Nov 9th 2013Il Conto Energia era l’incentivo statale che dava una rendita per 20 anni, a privati, imprese ed enti pubblici, che realizzavano un impianto solare fotovoltaico per la produzione di energia elettrica. L’incentivo veniva erogato dal GSE (Gestore Servizi Elettrici) attraverso bonifici bimestrali (per 20 anni) sul conto corrente bancario dell’utente; il pagamento veniva calcolato a tariffe incentivanti predefinite e costanti in base a tutta l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico.

Mentre con l’espressione “incentivazione in conto capitale” si intende l’erogazione di un contributo per l’investimento necessario per la realizzazione di un impianto, con l’espressione “conto energia” viene indicato un meccanismo di incentivazione che remunera l’energia elettrica prodotta da un impianto per un certo numero di anni. L’incentivo viene erogato dal Gestore dei Servizi Elettrici – GSE S.p.a..
查看更多7个回答

Planning Requirements
- Government regulations relating to installations of solar power systems on homes and commercial buildings

+4

Sep 26th 2013Nella maggior parte dei comuni è richiesta una comunicazione di lavori di ordinaria manutenzione. 

+1

Dec 21st 2013La Regione Lombardia ha introdotto dall'anno scorso il MUTA FER_CEL (modello unico trasmissione atti), con lo scopo di creare un'unica interfaccia con chi vuole installare impianti, snellire le procedure autorizzative e censire gli impianti che vengno realizzati in regione. Il comune di appartenenza verrà informato direttamente dal sistema MUTA, perciò il pivato che installa non dovrà più recarsi al comune con carta e cartacce in quanto il sistema è totalmente informatico, di norma gli installatori dovrebbero fornire anche questo servizio.
Per i piccoli impianti (sino ai 200kWp), complanari alla falda e fuori dai centri storici o da aree protette, non c'è bisogno di alcuna autorizzazione, basta la comunicazione di inzio attività sul portale MUTA. Negli altri casi (centri storici, aree protette, grossi impianti), la pratica MUTA sostituisce la procedura autorizzativa in capo agli Enti (comuni, provincie, ecc).
Maggiori informazioni su http://www.ors.regione.lombardia.it/cm/pagina.jhtml?param1_1=N138a321625d468c85b7
http://www.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Redazionale_P&childpagename=Imprese%2FDetail&cid=1213425804954&packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-to-render%3D1213417734735&pagename=MPRSWrapper

+0

Jan 16th 201610/10
查看更多1个回答

Solar Suitability
- How suitable is the climate in the country for solar electricity

+3

Sep 26th 2013Il clima Italiano è ideale per le installazioni solari.  

+2

Dec 5th 2013si

+2

Oct 10th 2013L'impianto Fotovoltaico in Sicilia produce la più elevata quantità di energia elettrica che può essere trasformata direttamente dall'energia Solare da un impianto fotovoltaico. Economicamente conveniente con l'installazione dell' impianto fotovoltaico in Sicilia produci energia abbatti gradualmente il costo della bolletta elettrica vendi l'energia pulita in eccesso che produce il Tuo Impianto Fotovoltaico in Sicilia.

Un Impianto solare in Sicilia produce energia elettrica tramite il Fotovoltaico,a Siracusa ad esempio,l'impianto solare può produrre (1963,7 kWh/m2 anno), che è uno dei valori più alti in Europa,e che quindi grazie a questa super produzione si realizza un guadagno maggiore dagli impianti solari installati in Sicilia.
查看更多3个回答

Recommended Sites
- Useful non-commercial solar websites for homeowners and businesses that want to learn more

+3

Nov 9th 2013ENEA
http://www.enea.it/

L’ENEA è l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA). Le sue attività riguardano le seguenti tematiche:

Efficienza energetica
Fonti rinnovabili
Nucleare
Ambiente e clima
Sicurezza e salute
Nuove tecnologie
Ricerca di Sistema Elettrico.


Gestore dei Servizi Energetici
http://www.gse.it/

Il GSE opera per la promozione dello sviluppo sostenibile attraverso la qualifica tecnico-ingegneristica e la verifica degli impianti a fonti rinnovabili e di cogenerazione ad alto rendimento; riconosce inoltre gli incentivi per l’energia elettrica prodotta e immessa in rete da tali impianti. Dal 2011 il GSE è chiamato a garantire misure volte a favorire una maggiore concorrenzialità nel mercato del gas naturale.
 
E’ il secondo operatore nazionale per energia intermediata: ritira e colloca sul mercato elettrico l’energia prodotta dagli impianti incentivati e certifica la provenienza da fonti rinnovabili dell’energia elettrica immessa in rete.
 
La Società, inoltre, valuta e certifica i risparmi conseguiti dai progetti di efficienza energetica nell’ambito del meccanismo dei certificati bianchi, anche noti come “Titoli di Efficienza Energetica” (TEE), e promuove la produzione di energia termica da fonti rinnovabili (Conto Termico).
 
La Società svolge attività di supporto al Ministero dello Sviluppo Economico sulle materie energetiche. 

+3

Nov 9th 2013Gestore dei Servizi Energetici
http://www.gse.it/

Il GSE opera per la promozione dello sviluppo sostenibile attraverso la qualifica tecnico-ingegneristica e la verifica degli impianti a fonti rinnovabili e di cogenerazione ad alto rendimento; riconosce inoltre gli incentivi per l’energia elettrica prodotta e immessa in rete da tali impianti. Dal 2011 il GSE è chiamato a garantire misure volte a favorire una maggiore concorrenzialità nel mercato del gas naturale.
 
E’ il secondo operatore nazionale per energia intermediata: ritira e colloca sul mercato elettrico l’energia prodotta dagli impianti incentivati e certifica la provenienza da fonti rinnovabili dell’energia elettrica immessa in rete.
 
La Società, inoltre, valuta e certifica i risparmi conseguiti dai progetti di efficienza energetica nell’ambito del meccanismo dei certificati bianchi, anche noti come “Titoli di Efficienza Energetica” (TEE), e promuove la produzione di energia termica da fonti rinnovabili (Conto Termico).
 
La Società svolge attività di supporto al Ministero dello Sviluppo Economico sulle materie energetiche. 

+2

Nov 9th 2013http://www.riccardobonfi.altervista.org/

Il sito si propone di far conoscere i vantaggi derivanti dall'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili negli edifici, e le normative che ne regolano la loro installazione e incentivazione. Nella sezione Risparmio energetico troverete tanti consigli sulla scelta dei materiali da costruzione e sulla scelta dei tipi di impianto da istallare, al fine di avere un' edificio capace di consumare poca energia. Nella sezione Impianti elettrici verranno riportati tutti i consigli per chi deve realizzare o ristrutturare un impianto elettrico e le news relativea tale settore.


http://voglioilfotovoltaico.blogspot.com/
查看更多3个回答

Grid Connection
- Overview of the process to get a rooftop solar power system connected to the grid

+3

Sep 26th 2013è necessario richiedere la connessione alla rete elettrica mediante una domanda online, corredata di un progetto preliminare e con il pagamento di una tassa.  

Return on Investment
- What sort of return on investment can homeowners installing a solar power system expect

+3

Nov 9th 2013Grazie al Conto Energia, la somma del denaro risparmiato e di quello guadagnato permetteva di ammortizzare l’impianto in sette/otto anni (impianto a COSTO ZERO) e per gli anni restanti si aveva un vero e proprio guadagno; dopo i venti anni, inoltre, considerando che un sistema fotovoltaico ha una vita  di oltre trenta anni, il rimborso della bolletta continuava, ottenendo sempre il risparmio dell’energia autoprodotta e consumata.

Si può stimare un tempo di ritorno del capitale investito compreso tra 8 e 12 anni. Tuttavia bisogna tener conto che esso dipende da diverse variabili, quali ad esempio: la quantità di radiazione solare disponibile (dipendente dalla latitudine del sito d'installazione e dall'orientamento), il costo per kW dell'investimento (dipendente dalla taglia dell'impianto), la valorizzazione dell'energia prodotta (valore delle tariffe incentivanti e valore dell'energia utilizzata), la tipologia di integrazione architettonica e l'eventuale riconoscimento del premio legato ad un uso efficiente dell'energia (solo per gli impianti fotovoltaici di cui all'art. 7 del DM 19 febbraio 2007).

+3

Sep 26th 2013Grazie alla riduzione dei prezzi dei componenti, oggi un impianto fotovoltaico domestico è ammortizzato in 5-7 anni.

+3

Oct 9th 2013Gli impianti fotovoltaici, nel periodo dei 20 anni in cui vengono incentivati, si ripagano da soli per mezzo degli stessi incentivi, inoltre generano un utile netto.
Normalmente, il costo dell’impianto si ammortizza nel giro di 10 anni, ma, essendo l’incentivo per una durata di 20 anni, generano almeno altri 10 anni di introiti. 
L’incentivazione è sicura ed è garantita per 20 anni a tariffa fissa.
查看更多4个回答

Other Benefits
- Eg. Energy Performance Certificate benefits for homes in UK

+4

Nov 9th 2013Le tariffe incentivanti non sono cumulabili con: 

•	certificati verdi;
•	il riconoscimento o la richiesta di detrazione fiscale (articolo 2, comma 5 della legge n. 289/02 e successive modifiche ed integrazioni);
•	incentivi pubblici di natura nazionale, regionale, locale o comunitaria in conto capitale e/o in conto interessi con capitalizzazione anticipata, eccedenti il 20 % del costo di investimento per la realizzazione dell'impianto;
•	titoli di efficienza energetica. 

Le tariffe incentivanti sono cumulabili con incentivi pubblici di natura regionale, locale o comunitaria in conto capitale e/ in conto interessi con capitalizzazione anticipata, eccedenti il 20 % del costo di investimento per la realizzazione dell'impianto esclusivamente nel caso in cui il soggetto responsabile sia una scuola pubblica o paritaria di qualunque ordine e grado o una struttura sanitaria pubblica. Resta fermo il diritto al beneficio della riduzione dell'IVA per gli impianti facenti uso di energia solare per la produzione di calore o energia elettrica, di cui al DPR 633/1972 e al DM 29 dicembre 1999. Si segnala che le tariffe ed i premi non sono applicabili alla produzione elettrica di impianti fotovoltaici realizzati per rispettare particolari obblighi di legge in materia edilizia - previsti dal D.Lgs. n. 192/05 (prestazioni energetiche degli edifici) e successive modifiche ed integrazioni o dalla legge n. 296/06 (Legge finanziaria per il 2007, articolo 1, comma 350) - entrati in esercizio dopo la data del 31 dicembre 2010.

Se un soggetto è titolare o ha la disponibilità di un impianto fotovoltaico di potenza fino a 20 kW, può, in alternativa: a. usufruire del servizio di scambio sul posto, facendone richiesta all'impresa distributrice competente sul territorio ove l'impianto è ubicato. b. vendere a prezzo amministrato l'energia elettrica prodotta al gestore di rete cui l'impianto è collegato (secondo le regole riportate nella delibera 34/05); c. vendere l'energia elettrica prodotta sul mercato libero: o attraverso contratti bilaterali con grossisti o clienti finali liberi; o attraverso la Borsa elettrica; Per gli impianti di potenza superiore a 20 kW, sono disponibili solo le opzioni b. e c..

+3

Oct 9th 2013Bonus premio autoconsumo: per tutti gli impianti che riescono a stabilire una produzione netta e consumata in loco è attribuita, invece, una tariffa premio

Entrambe le tariffe, relative agli impianti fotovoltaici e fotovoltaici integrativi innovativi, possono essere incrementate con i premi che si distinguono per:
- “Produzione europea”, nel caso un pannello di fattura europea, viene attribuito un bonus di incentivo del 0,02€
- “Smaltimento eternit”, si ottiene, in caso di sostituzione e smaltimento di tetti in ethernit, un bonus di 0,05€ sull’incentivo

consigli per installazioni su imbarcazioni\in ambiente estremamente salino.grazie.

Oct 3rd 2015 by nikkan260@gmail.com

+1

Jan 16th 2016info@vtenergysolution.it, tel: +39 (0) 362 1918101

Salve devo fare un progetto in Egitto di pannelli solare e vorrei sapere se la vostra azienda me lo po fornire di materiale ??

Sep 17th 2014 by m_v240@hotmail.com

+1

Oct 21st 2014La nostra azienda può fornire il materiale richiesto, ma non siamo a conoscenza di tariffe onu specifiche per l'egitto

+1

Nov 5th 2014Buongiorno, si certo la nostra azienda puo fornirglielo se ci invia qualche info in piu le predisponiamo la migliore offerta, se vuole contattarci direttamente ci puo contattare via email 
Cordiali Saluti
Andrea Bauletti

Non riesco a trovare la documentazione di istallazione,figure illustrative,punti vendita. Grazie

+0

Oct 21st 2014Riguarda a foto di realizzazioni le può trovare sul nostro sito mentre per le schede tecniche dei prodotti può contattarci alla seguente e-mail:m.conti@mdsolar.it 

向专家提问

姓名: 电子邮件: 5+3=

该网页提供的建议和回答由第三方提交。网页上的信息未被易恩孚赞同,也不代表易恩孚的观点。由读者听取该网页提供的任何建议而产生的相关责任,易恩孚一律不予承担。